G A L L E R I A   I M M A G IN I



V I D E O


Teatro Novela Bizarra

Premio Ubu 2010 come miglior novità straniera, Bizarra, è la telenovela teatrale di Rafael Spregelburd, messa in scena da Manuela Cherubini.
 L’autore e regista argentino, che da sempre fa della contaminazione dei linguaggi un punto di forza, mescola questa volta teatro e televisione, Bizarra, infatti, è proprio questo: un’opera teatrale in dieci puntate, con storie d’amore e suspense, rivelazioni e colpi di scena,

 

Bizarra nasce in Argentina, a Buenos Aires, nel 2003, dall’unione di un gruppo di artisti intorno alla figura di Spregelburd, dalla necessità di reagire al clima terribile generato dalla crisi economica: il risultato è un’opera mastodontica, di straordinaria poesia, divertente e tragica, per  far sentire la propria voce e presenza al pubblico in un momento tanto grave da mettere in discussione le basi stesse dello stato democratico. Bizarra diverte, emoziona e si avvicina sorprendentemente alla realtà italiana di oggi.

 

Prodotta dal Napoli Teatro Festival Italia e dal Teatro Bellini, e in seguito rappresentata all'Angelo Mai di Roma con una presenza di 8.000 spettatori in 3 mesi di recite Bizzarra si è confermata un’opera riuscita . 

 

Bizarra può essere rappresentata con diverse modalità:

 

Bizarra, la maratona in 10 giorni

Una puntata al giorno per dieci giorni di seguito. Dieci spettacoli, della durata circa di due ore ciascuno. Ogni giorno una nuova puntata della teatronovela, preceduta da un breve riassunto delle puntate precedenti, per consentire anche al pubblico che volesse fruire di un solo spettacolo di poter entrare nella saga.

 

Bizarra 24h

L'evento. Una maratona del linguaggio: 24 ore di spettacolo dal vivo, una full immersion in una vicenda appassionante che si dipana per venti ore di spettacolo. Una maratona teatrale mai realizzata in Italia fino ad oggi. Un'opera di valore eccezionale, di grande presa sul pubblico per la genialità degli intrecci narrativi, la qualità della drammaturgia e della messa in scena.

Un'occasione unica per dire: io c'ero!

L’evento si completa  con gadgets creati per sostenere la produzione dell'opera: un album di figurine, che serve a ricostruire la vicenda  e a creare una comunicazione fra gli spettatori che dovranno mettere in moto l’antichissimo rituale del baratto per poter completare l’album, il calendario porno teatrale, le magliette, tutti accessori che contribuiscono a fare di Bizzarra una grande Festa e un’occasione per fare comunità oltre ai social network.